Il Tribunale sta terminando l’interrogatorio di  quasi tutti i testimoni. Ci sono state anche tre trasferte: Trento, Praga e Londra. Forse è utile dire qualche mia impressione.

Le persone contattate testimoniano loro stesse il carisma dell’unità, che Giordani visse in maniera esemplare, destando gioia nei membri del Tribunale. 

Così le virtù di Foco si manifestano con una forza straordinaria. È questo che  anima il processo di beatificazione, perché la nostra santità è presenza del Santo, di Gesù tra noi e non solo santità di un singolo, per quanto, come Giordani, di livello altissimo.

A Londra il Tribunale ha interrogato il pastore Edwin Robertson: il primo biografo di Foco, un battista. Uomo di grande cultura, rimase colpito tanto dalla statura intellettuale di Giordani quanto dalla sua semplicità. Questa è la forza della santità di Foco: profonda erudizione, grande impegno civile e politico, ma anche (e soprattutto!) spontaneità del bambino evangelico!

Vedo realizzarsi quanto mi disse Enzo Fondi all’inizio di questa causa: “sarà una causa sulla santità dell’Opera”. Ma sarebbe impossibile se non ci fossero le persone del Movimento a mostrare che ciò che si dice di Foco è il loro impegno di vita di tutti i giorni. Disponibilità, dedizione, amore, Gesù in mezzo, unità: questo è quello che si sperimenta dovunque e che penso tocchi anche i componenti del tribunale.

Carlo Fusco (Postulatore)

15-05-2007  

Centro Igino Giordani

Centro Igino Giordani

Via Frascati, 306 - 00040 Rocca di Papa (Rm) - Italia
Tel.: +390694798314 / Fax: +390694749320
> Scrivici

Chi e' online

Abbiamo 35 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.